<tratto da Gunther Anders, l'uomo e' antiquato>
Il rancore spontaneo contro le macchine resta ignoto a quelli che soffrono per esse. Ed è indispensabile che resti loro ignoto. Infatti, se quelli che odiano le macchine avessero coscienza del proprio odio e vi si lasciassero andare, ciò minerebbe le basi dell’intera produzione, rappresentando le sovversione, il sabotaggio. La coscienza del risentimento deve dunque essere interdetta per motivi profilattici, il sabotaggio impedito.

tratto da Ludd, consigli proletari, Milano 1970. Pensare quanto fossero avanti, 50 anni fa. "Dopo aver detronizzato la teologia, la scienza instaura il suo regno sull’umanità
fondando il “cielo della conoscenza”. Ma come tutto ciò che emana dall’economia, il cielo della scienza non è che il ribaltamento “celeste” di un’accumulazione dei significati
separati di tutto, il capitale in sapere estorto all’esperienza di tutti, da sempre. "

"Bisogna essere sacrileghi verso la scienza se si vuole salvarla come l’avventura più interessante e creativa dello spirito umano! E, naturalmente, non si deve concedere un solo millimetro di fiducia allo sfruttamento/alienazione capitalistica di questa avventura!" tratto da ilrovescio.info/2021/01/28/anc

rafano boosted

il giornalaccio imolaoggi -che non linkero' mai piu'- anche oggi ci parla di un medico morto a Bolzano. Roba di tutti giorni, che vuoi che sia? Puo' capitare no di morire dopo un iniezione. L'importante e' avere fiducia nelle istituzioni e nell'operato delle aziende farmaceutiche.

@pandora @l_AS_n @makhno
Ok. In tutto il mondo c'e' gente che muore poco dopo essersi fatta il vaccino covid 19 e non ne parla nessuno (alla radio), posto un articolo preso da un giornale del menga che e' l'unico che riporta il fatto di cronaca locale, lo posto su mastodon, non faccio mistero della mia critica tout court al delirio vaccinista, volendo posso farlo a partire dal secolo scorso, e poi vengo declassato a coglione novax da un piccolo plebiscito bidano. Hanno rotto i coglioni.

A proposito di patologie iatrogene (la cui causa ufficiale e' da rintracciare nei farmaci assunti) che viene letta da alcuni come un fenomeno marginale e poco rilevante (la terza causa di morte negli stati uniti dopo patologie del cuore e tumore)

ansa.it/canale_saluteebenesser

La regione puglia per combattere la xylella ora prende di mira ciliegi e mandorli. "Per la prima volta sento un esponente della Regione Puglia ammettere ciò che in tanti sostengono da tempo: non è l’Europa che decide le misure di contenimento del batterio ma è la Regione Puglia che da anni invia all’Europa i piani da attuare che poi, ovviamente, l’Europa chiede di rispettare. "

rafano boosted

Parafrasando una celebre quanto provocatoria riflessione formulata da un intellettuale tedesco all'indomani della seconda guerra mondiale, vien voglia di chiedersi se scrivere un testo di critica sociale dopo il Covid 19 non sia un atto di barbarie che avvelena la consapevolezza stessa del perché è divenuto impossibile oggi scrivere testi di critica sociale. Con ciò non si intendono equiparare i campi di stermino nazisti agli odierni reparti ospedalieri democratici, semmai interrogarsi se l'inimmaginabile enormità di quanto sta avvenendo non renda patetica e superflua ogni ulteriore analisi della realtà. Se in passato lo Sterminio burocratico di milioni di ebrei ha ucciso la poesia, oggi la Servitù Volontaria sanitaria di miliardi di esseri umani non ha forse ucciso la critica, rendendo anch'essa in-scrivibile, il-leggibile, im-praticabile? Se lo Sterminio ha messo fine alla ricerca della bellezza, la Servitù Volontaria non sta mettendo fine alla ricerca di significato?
Con questa premessa, che senso ha ostinarsi a diffondere un qualsivoglia pensiero critico in una società che — trasversalmente, dall'alto in basso — cerca in tutti i modi di essere spensierata, ovvero di non dover pensare a nulla, non essendo disponibile ad ascoltare e ricevere alcuna critica? Chi potrebbe mai interessarsi a questo pensiero altro, chi trascorre le proprie giornate a «chattare» nei social network? Chi liquida come negazionismo o ideologia qualsiasi messa in discussione delle (altrui) convinzioni introiettate come proprie? Chi si preoccupa ossessivamente di indossare correttamente la 
mascherina, di garantire il distanziamento sociale, di venire al più presto vaccinato? O chi, animato da pruriginosi intenti radicali, organizza qualche «chiacchierata» sul conto di qualche «narrazione»?

rafano boosted

@daalpi @lamacchinadesiderante @rafano Moderare i termini quando ci si confronta con il prossimo e' parte del proprio retaggio culturale, e quando parli vis a vis con una persona la moderazione e' sempre presente nel tentativo di trovare un dialogo. Ogni comunita' umana trova la propria forma condivisa di moderazione perche' la moderazione viene dalla conoscenza del prossimo e dall'attenzione a trovare gli equilibri. Quando questa moderazione invece che nascere dal confronto e' posta a monte da figure autoproclamatesi "moderatori", li' nascono fraintendimenti e problemi. Ognuno ha un proprio modo di moderare gli altri, a volte piu' - a volte meno - irruenti. Se non ho modo di esprimere quello che penso, vuole dire che sono nel posto sbagliato, con le persone sbagliate, ed e' inutile perseverare... Ma condannare l'irruenza nel nome della moderazione e' veramente disumano. Ho la sensazione che il processo in atto sia la sedazione profonda dei sentimenti.

rafano boosted

@lamacchinadesiderante dubito fortemente che i "debunker" possano smettere di fare i "debunker". E' un'investitura potente, socialmente rilevante, avallata dalle istituzioni al gran completo, al passo coi tempi. Un ruolo di potere mica da ridere. Sono i debunker a creare le condizioni del loro stesso lavoro. Continuano a scassare la minchia con robe che nessuno seriamente prenderebbe in considerazione, terrapiattismo, teorie del complotto, che contribuiscono loro stessi ad amplificare. Tracciano profili psicologici del "complottaro medio" e la loro coglioneria sta poi nell'applicare questi modelli astratti alle persone reali in carne ed ossa che incontrano sul loro cammino. Agendo sostanzialmente come dei bot, in totale assenza di coscienza. Feccia della peggior specie. Li siluro appena li incontro.

Pare quindi sdoganato il passaporto sanitario per viaggiare dentro l'unione europea. Tutto procede, liscio come l'olio, con pochissime increspature. Tutti indossate diligentemente il bavaglino? Bravi eh. La cisl veneto chiede di rendere il vaccino covid obbligatorio ... per i lavoratori. Il gregge va tutelato, se no l'immunita' di gregge va a farsi friggere.

Pare quindi sdoganato il passaporto sanitario per viaggiare dentro l'unione europea. Tutto procede, liscio come l'olio, con pochissime increspature. Tutti indossate diligentemente il bavaglino? Bravi eh. La cisl veneto chiede di rendere il vaccino covid obbligatorio ... per i lavoratori. Il gregge va tutelato, se no l'immunita' di gregge va a farsi friggere.

Nei prossimi giorni passeremo le forche caudine della revisione contabile da parte dell'ispettorato del lavoro. Sara' un incontro a lume di candela, dal momento che abbiamo staccato la corrente mesi fa. Ci tocchera' appicciare il generatore per far resistere il pc quel tanto che basta :)

Confondere le richieste dell'amministrazione penitenziaria con le rivendicazioni dei detenuti: benvenuti nel magico mondo dell'askanotav. A questi livelli siamo arrivati, e non siamo ancora giunti al fondo. Ma vergognatevi sciacalli maledetti.

C'e' qualcuno qua sopra che smanetta con Qgis?

Show more
Cisti

The social network of the future: No ads, no corporate surveillance, ethical design, and decentralization! Own your data with Mastodon!